calcio napoli 1926 testata notizie e news di calciocalcio napoli 1926 versione mobile notizie e news di calcio sul tuo cellulare
Porto-Napoli 1-0 ma Benitez è ancora in corsa
Porto-Napoli 1-0 ma Benitez è ancora in corsa

Andata ottavi: decide il colombiano al 12' della ripresa dopo due occasioni per Higuain e una fallita da Albiol. Ma prima aveva salvato due volte Reina ed era stato annullato un gol regolare a Carlos Eduardo.

Reina: risultato brutto ma giusto

Napoli, la confessione di Hamsk: Mi sono perso

Stavolta, nemmeno la fortuna è servita per evitare al Napoli la sconfitta. Ma nulla è compromesso, tra sette giorni al San Paolo ci sarà l’incontro di ritorno e il collettivo di Benitez dovrà segnare due reti per qualificarsi ai quarti d’Europa League. 

Benitez dopo il ko: Ho sentito De Laurentiis, è tranquillo

Al ritorno De Laurentiis vuole un San Paolo stracolmo: dimezzati i prezzi dei biglietti




pagina facebook di notizie napoli calcio 1926 news 24 ore
pagina twitter di news napoli calcio 1926  tutte le notizie
canale you tube notizie  calcio napoli 1926 news 24 ore
CLASSIFICA SERIE A
Juventus
72
Roma
58
Napoli
55
Fiorentina
45
Inter
44
Parma
43
Verona
40
Lazio
38
Torino
36
Milan
35
Atalanta
34
Genoa
34
Sampdoria
34
Udinese
31
Cagliari
29
Chievo
24
Bologna
23
Catania
22
Livorno
21
Sassuolo
18

 
Napoli Calcio Femminile

SERIE A 27° GIORNATA
Udinese
1-0
Milan
Catania
1-1
Cagliari
Juventus
1-0
Fiorentina
Bologna
0-0
Sassuolo
Chievo
2-1
Genoa
Inter
1-0
Torino
Lazio
0-1
Atalanta
Parma
2-0
Verona
Sampdoria
4-2
Livorno
Napoli
1-0
Roma
Guarda il calendario completo 2013/2014
SERIE A 28° GIORNATA
Verona
15/03
20:45
Inter
Atalanta
16/03
12:30
Sampdoria
Sassuolo
16/03
15:00
Catania
Milan
16/03
15:00
Parma
Livorno
16/03
15:00
Bologna
Cagliari
16/03
15:00
Lazio
Fiorentina
16/03
20:45
Chievo
Genoa
16/03
20:45
Juventus
Torino
17/03
19:00
Napoli
Roma
17/03
21:00
Udinese
Guarda il calendario completo 2013/2014
MARCATORI SERIE A
 Tevez - (Juventus)
14 gol
 Rossi G. - (Fiorentina)
14 gol
 Immobile - (Torino)
13 gol
 Toni - (Verona)
13 gol
 Higuain - (Napoli)
13 gol
 Berardi - (Napoli)
12 gol
 Gilardino - (Genoa)
11 gol
 Palacio - (Inter)
11 gol
 Cerci - (Torino)
11 gol
 Vidal - (Juve)
11 gol
CHAMPIONS LEAGUE GIRONE F
Arsenal
12 punti
Borussia Dortmund
9 punti

Napoli
9 punti

Olympique Marsiglia
0 punti

LE PRIME PAGINE DI OGGI

prime pagine calcio napoli 1926 corriere dello sport
prime pagine calcio napoli 1926 gazzetta dello sport
prime pagine calcio napoli 1926 repubblica napoli
notizie calcio napoliAl ritorno De Laurentiis vuole un San Paolo stracolmo: dimezzati i prezzi dei bigliettivenerd́ 14 marzo 2014 08:58
Al ritorno De Laurentiis vuole un San Paolo stracolmo: dimezzati i prezzi dei biglietti

Un San Paolo stracolmo, indipendentemente dal risultato in Portogallo: colpo a sorpresa di De Laurentiis che senza aspettare che cosa succede al «Dragao» ieri mattina decide di sforbiciare i prezzi dei biglietti scatenando la bagarre sul web. All’inizio c’è stato perfino chi si è lamentato: è il popolo dei previdenti, di quanti non si sarebbero persi il Napoli in Europa League per nulla al mondo e avevano acquistato in largo anticipo i preziosi tagliandi per la gara di giovedì prossimo in modo da essere in prima fila al San Paolo alle 21,05.

Un diluvio di critiche sentendosi gabbati dalla decisione del Napoli Calcio di ridurre, fino a dimezzare, i prezzi dei biglietti. Una vocazione alla critica tutta neapolitana, visto che il comunicato ufficiale della società spiega che chi ha pagato di più può ottenere un rimborso o un bonus per la prossima partita. Tutto è partito da lui, dal vulcanico presidente. Aurelio De Laurentiis già mercoledì aveva detto di tenerci davvero all’Europa League, spesso disprezzata in passato: «Voglio fare ancora molta strada in questa coppa, tanto che ho già fissato prezzi popolarissimi per il ritorno di giovedì prossimo perché voglio che ci sia una bolgia ad accogliere il Porto».

Detto, fatto: ieri mattina i prezzi dei biglietti sono finiti in pezzetti. Una scommessa per tutti, a partire dalla stessa società, visto che ci volevano ancora alcune ore per disputare la partita del «Dragao». Una giocata «al buio», come si fa a poker, perché il match del San Paolo di giovedì prossimo potrebbe essere determinante, e quindi comunque da tutto esaurito, o critico o irrilevante a seconda del risultato ottenuto all’andata. Comunque la scommessa è andata: 9 euro per una curva, 15 per i Distinti, 25 per un posto nella tribuna Nisida, 35 per la Posillipo, 80 per andare in tribuna d’onore, 5 per la tribuna Family.

Senza danneggiare nessuno, visto che per quanti hanno già acquistato i taglianti c’è la possibilità o di cambiare il ticket prendendone uno nuovo dal prezzo più favorevole, o ottenere un rimborso o infine di ottenere un tagliando omaggio per la partita di campionato con la Fiorentina di domenica 23 marzo. E a prezzi ribassati ieri sono già partite le prime richieste deitagliandi, un’occasione da non perdere a prezzi una volta tanto ribassati. E dopo l’1-0 di ieri diventa ancora più importante avere un San Paolo pieno per il ritorno in Europa League. Il Mattino.

[-] Compatta il testo



notizie calcio napoliBenitez dopo il ko: Ho sentito De Laurentiis, è tranquillovenerd́ 14 marzo 2014 08:57
Benitez dopo il ko: Ho sentito De Laurentiis, è tranquillo

Rafael Benitez, tecnico del Napoli, ai microfoni di Mediaset ha commentato la sconfitta contro il Porto: "Nel secondo tempo siamo stati più intensi, abbiamo creato le situazioni per fare gol. Loro hanno segnato dopo tre occasioni nostre. Non sono contento del primo tempo, abbiamo fatto meglio nella ripresa.

Ora ci sarà la sfida del San Paolo in cui potremo fare la differenza. nel primo tempo abbiamo lavorato bene in fase difensiva, ma mancava precisione nelle ripartenze. Gol del Porto regolare? Lo vedo più tardi, la sfortuna nostra è che loro hanno segnato nel nostro momento migliore. Ha sentito De Laurentiis? Si, è tranquillo, ha fiducia che ce la faremo al San Paolo".

[-] Compatta il testo



notizie calcio napoliReina ha parato di tutto e ora punta sul ritorno: “Risultato brutto ma giusto”venerd́ 14 marzo 2014 08:44
Reina ha parato di tutto e ora punta sul ritorno: “Risultato brutto ma giusto”

Due mani grosse come badili e larghe come padelle tengono aggrappati (e non poco) il Napoli ai quarti dell’Europa League. Sono quelle di Pepe Reina che salva gli azzurri dalla caduta devastante che poteva mandarli subito a casa. E lo fa contro ogni legge della fisica: prima con una mossa ghepardesca su Jackson Martinez; poi con un altro capolavoro su un missile terra-aria che ha solcato il cielo del Portogallo prima di finire sulle dita della sua manona sinistra.

«Il risultato è brutto e giusto». Dice «malo» che significa cattivo letteralmente e probabilmente dà ancor di più il senso di quello che passa per la testa del numero uno partenopeo. È sempre un concentrato di lealtà questo portierone che è arrivato da Liverpool e che a Liverpool rischia di tornare se il Napoli non gli offrirà quel triennale che Pepe sta chiedendo a bassa voce ma con una certe insistenza. «Non mi va di prendere in giro nessuno, non è stata una partita buona per noi. Quando loro avevano il possesso di palla noi abbiamo sofferto perché abbiamo avuto dei problemi nelle ripartenze. Ma è chiaro che abbiamo fatto poco, troppo poco ieri sera per poter uscire dal campo con un risultato positivo. Il Porto è una grande squadra, lo sappiamo, però noi dovevamo fare di più e meglio». L’unico dragone napoletano nello stadio dei dragoni è stato lui. Servirà? «Non siamo ancora eliminati, anzi al San Paolo giocheremo a testa alta: avremo il sostegno del pubblico napoletano che è sempre capace di darci una marcia in più. Per me sarà importante vedere lo stadio pieno, spero che la gente venga numeroso».

Intanto la «marcia in più» a Oporto si chiama Reina. Ormai è una divinità, un totem, un arcangelo delle porte chiuse. Che poi il portiere sia troppo spesso – negli ultimi tempi – il migliore della squadra, non è una gran cosa per la squadra medesima. «Stavolta il gioco non c’è stato: non siamo mai stati capaci di costruire una buona azione, abbiamo troppo spesso perso palla velocemente subendo poi le loro ripartenze. L’1-0 non è un buon risultato, non è facile ribaltare questo risultato. Ma se pensiamo a come abbiamo evitato un passivo peggiore, bisogna essere contenti per questo risultato». Detto da lui, il leader maximo del gruppo significa che il Napoli si sforza di vedere il bicchiere mezzo pieno. «Le parate? Sono una cosa normale, io faccio il portiere». Inguaribile ottimista: se fai il portiere e hai davanti una difesa del genere, non c’è altra scelta. Reina d’altronde è uno che le cose non le manda a dire. Mentre il Napoli festeggiava il passaggio del turno con lo Swansea lui con un muso lungo come le sue manone spense gli entusiasmi: «Meritavamo di perdere 4-1, altro che vittoria!».

Ieri sera, allo stadio Do Dragao, le padelle di Pepe sono entrate in azione dopo poco più di dieci minuti: Martinez è solo, incrocia il tiro ma il nostro respinge, come se avesse le lame rotanti di Goldrake in azione: Reina il migliore, ancora una volta. Più invecchia, più diventa buono. Ad affondarlo proprio uno di quelli che poteva essere suo compagno nel Napoli, Jackson Martinez. Il colombiano gongola a fine gara: «La qualificazione è nelle nostre mani, sono felice per questo successo che mette fine al nostro periodo di crisi, adesso guardiamo con ottimismo alla gara di ritorno. Il Napoli è davvero una buona squadra, ha avuto molte occasioni per fare gol ma noi nell’arco dei novanta minuti meritavamo di farne anche di più. L’1-0 ci va stretto: senza Reina sarebbe finito molto peggio per loro». Il Mattino.

[-] Compatta il testo



notizie calcio napoliNapoli, la confessione di Hamsk: Mi sono persovenerd́ 14 marzo 2014 08:42
Napoli, la confessione di Hamsk: Mi sono perso

Il Napoli ieri ha perso una brutta partita. Un po' Pepe Reina un po' l'arbitro, gli hanno permesso di fruire di una seconda chance al San Paolo. Un ppuntamento da non fallire. L'emblema partenopeo è Marek Hamsik, fenomeno vero, campione riconosciuto, che si è perso.

Lo ha dichiarato anche lui nel dopo partita: "Non sono più io" ha bisbigliato ai cronisti. Benitez lo aspetta, lo incita, ma lui non risponde, ma è evidente che non sia un problema fisico quanto di testa.


Lo slovacco deve ritrovare la gioia del gol e la serenità di chi ha i numeri per cambiare le partite in corsa. L'occasione più ghiotta sarà proprio il ritorno contro il Porto. Tutto è aperto, soprattutto con un San Paolo da tutto esaurito. Hamsik ci sarà, e dovrà trascinare la squadra dimenticando al più presto i musi lunghi di ieri sera. A riportarlo è Il Mattino.  Tmw.


[-] Compatta il testo



notizie calcio napoliTutti i riti scaramantici di De Laurentiisluned́ 10 marzo 2014 08:17
Tutti i riti scaramantici di De Laurentiis

Napoli-Roma non è una gara ’normale’ per Aurelio De Laurentiis, presidente del club azzurro che ha twittato prima e dopo la vittoria contro i giallorossi. La scaramanzia è una cosa seria per il numero uno partenopeo, il quale – visto l’esito del match di ieri – continuerà a twittare prima e dopo le prossime gare con la speranza che il Napoli riesca a ripetere il risultato di ieri.

Anche la rete di Callejon è stata accolta in modo particolare da De Laurentiis, con una smorfia nella quale ha portato una mano alla bocca. Qualcuno – riporta il quotidiano – l’ha interpretata come una pernacchia. Il Mattino.


[-] Compatta il testo



notizie calcio napoliBenitez:  Vinto con uno sforzo fantastico domenica 09 marzo 2014 23:30
Benitez: "Vinto con uno sforzo fantastico"

NAPOLI - Rafa Benitez, allenatore del Napoli, ha parlato ai microfoni di 'Sky Sport' dopo la vittoria contro la Roma: "Non abbiamo vinto in tante gare giocate bene. Vincere così oggi contro una squadra come la Roma deve renderci contenti.

Abbiamo perso Behrami e Jorginho in mattinata, ma la squadra ha fatto uno sforzo fantastico per vincere, giocando sempre con l'idea di fare gol, in qualsiasi momento. Abbiamo sofferto qualche ripartenza su palle perse da noi, ma l'idea era di attaccare. Al di là dei meriti nostri o loro ci sono state opportunità da entrambe le parti, e non avevamo vinto in tante gare giocate bene, quindi ripeto che dobbiamo essere molto contenti".


TIFOSI - "Sono al nostro fianco e l'abbiamo visto tante volte. Dipenderà da noi fare meglio e saperli motivare. Credo che siano soddisfatti perchè proviamo sempre a giocare un buon calcio. Abbiamo fatto tante cose questa stagione".

HAMSIK - "Ci ho parlato del suo calo. Credo che lo abbiamo impiegato pian piano dopo l'infortunio, e che stia facendo un grandissimo sforzo. Per me non è un problema: se continua a sforzarsi e a giocare per la squadra sappiamo che ha qualità e farà gol'.

REINA - "Parlare in Italia di un portiere vecchio a 32 anni mi sembra strano (sorride, ndr). Lui legge molto bene la partita ed è un elemento di massimo livello. In Premier League era tra i migliori al mondo nel suo ruolo, e qui si vede il suo valore". HIGUAIN - "Lui non fa solo gol, ma tutto, dai movimenti agli assist. Abbiamo un attacco mobile, in grado di fare la differenza in ogni partita". CalciomercatoIT.


[-] Compatta il testo



notizie calcio napoliGazzetta dello Sport: Callejon riapre la corsadomenica 09 marzo 2014 23:26
Gazzetta dello Sport: Callejon riapre la corsa

L'11 febbraio aveva lanciato le danze per la rimonta del Napoli nella semifinale di ritorno di Coppa Italia, stavolta le ha riaperte invece per la lotta al secondo posto, che poi vale la Champions diretta. E proprio come quell'11 febbraio Callejon ha "matato" la Roma di testa, anche se stavolta a condurre il gioco sono stati prevalentemente i giallorossi, con i padroni di casa pronti a ripartire a più riprese. La squadra di Garcia a conti fatti paga il solito scarso cinismo sotto porta, quella di Benitez probabilmente raccoglie più del dovuto, ma tanto basta per riaprire i giochi fino alla fine per la piazza d'onore, alle spalle della Juventus. Già, perché da stasera i bianconeri in tasca hanno molto più di un pezzo di scudetto, quasi tutto il tricolore.

giallorossi sciuponi — Memore del 3-0 subito in Coppa Italia, Garcia passa dalla Roma ultraoffensiva della semifinale di ritorno ad una più coperta ed equilibrata, con Romagnoli per Torosidis, due mediani davanti alla difesa e nessuna punta di ruolo (Destro e Ljajic in panchina, dentro Bastos). Benitez, invece, a centrocampo deve rinunciare a Behrami (fastidio al ginocchio) e Jorginho (attacco influenzale) ed alla lunga ne pagherà il conto in termini di fantasia ed intensità. Se il primo tempo si chiude sullo 0-0, infatti, è solo perché la Roma si conferma poco cinica: Gervinho ha subito due ottimi palloni ottimi, Benatia al 25' si vede annullare per fuorigioco (giusto) il vantaggio di testa, ancora Gervinho spreca (37') a botta sicura una magia di Pjanic e cinque minuti dopo è Reina a salvarsi (con l'aiuto della traversa) su un esterno da fuori di Bastos. In mezzo per i giallorossi tanto gioco, in una partita in cui la squadra di Garcia tiene costantemente il pallino del gioco, nonostante dopo 11' debba rinunciare anche a Strootman: l'olandese si fa male al 7' in un contrasto con Dzemaili, dovendosi arrendere 4 minuti dopo, quando tracolla a terra per la distorsione al ginocchio sinistro (in nazionale si era fatto male al destro, si teme un interessamento ai legamenti, domani esami strumentali). Ed il Napoli? Tanta confusione, troppe verticalizzazioni ed un Mertens che prova a mettere paura in velocità (al 39' salvataggio di Benatia a 20 metri da De Sanctis) negli spazi che inevitabilmente si aprono quando la Roma prova spingere. Prima del fischio finale, però, anche la squadra di Benitez si rende pericolosa con Mertens, sul cui destro a giro è bravo De Sanctis.

torero decisivo — La ripresa si apre con i giallorossi ancora a fare gioco, anche se stavolta è il Napoli ad andare vicino al gol nei primi 9' in ben tre occasioni; prima con una saetta da fuori di Mertens, poi con Callejon che a porta spalancata spara su De Sanctis e infine con Higuain che di controbalzo calcio alto un bel pallone di Mertens. La partita allora diventa più equilibrata, Maicon al 15' sfiora il vantaggio (bravo Reina), 4 minuti dopo è Callejon a mettere paura a De Sanctis, al 29' è invece Florenzi a mancare di un soffio la deviazione vincente di testa, su traversone di Maicon. Nel frattempo Benitez toglie un evanescente Hamsik e si gioca la carta Insigne, anche perché con il passare dei minuti la Roma perde compattezza e gli spazi dove andare in velocità aumentano. Ed infatti al 36' il Napoli passa con Callejon, che di testa insacca un cross millimetrico di Ghoulam e si fa perdonare l'erroraccio precedente. L'ultimo brivido è un destro da fuori di Maicon che sfiora l'incrocio, poi non c'è più spazio per nulla, se non per il fischio finale di Rocchi. Vince il Napoli, la lotta per il secondo posto è ufficialmente riaperta.


[-] Compatta il testo



notizie calcio napoliNapoli Roma il tabellinodomenica 09 marzo 2014 23:15
Napoli Roma il tabellino

NAPOLI-ROMA 1-0 (0-0)
MARCATORI Callejon al 36' s.t.

NAPOLI (4-2-3-1) Reina; Maggio, Fernandez, Albiol, Ghoulam; Dzemaili (dal 16' s.t. Henrique), Inler; Callejon (dal 40' s.t. Pandev), Hamsik (dal 28' s.t. Insigne), Mertens; Higuain (Colombo, Doblas, Reveillere, Britos, Radosevic, Bariti, Duvan). All. Benitez.

ROMA (4-2-3-1) De Sanctis; Maicon, Benatia, Castan, Romagnoli (dal 39' s.t. Destro); Nainggolan, Strootman (dal 12' s.t. Taddei); Florenzi (dal 30' s.t. Ljajic), Pjanic, Bastos; Gervinho (Lobont, Skorupski, Toloi, Dodò, Torosidis, F. Ricci, Mazzitelli). All. Garcia.
ARBITRO Rocchi di Firenze.

NOTE Ammoniti Maicon per simulazione, Callejon per comportamento non regolamentare, Taddei per scorrettezze. Angoli 3-4. Recupero: 3' p.t., 3' s.



notizie calcio napoliLe pagelle di Joe Seppe : Livorno - Napoli 1-1luned́ 03 marzo 2014 18:36
Le pagelle di Joe Seppe : Livorno - Napoli 1-1

Altra occasione persa per il Napoli di Benitez : prestazione opaca e secondo posto che sembra sempre di più un miraggio.

Reina  5,5 : Se gli venisse aggiunto tramite photoshop un  pannolone, il replay dell'autogol sarebbe la migliore pubblicità della pampers di sempre.





Britos 5 : Fa reparto da solo: terapia intensiva.






Fernandez 5,5 : Mezzo punto in più perché ha vicino Britos





Ghoulam 6,5 : Non lo fermassero sempre al controllo  terrorismo in aeroporto, sarebbe quello della rosa che dà  meno fastidio.





Maggio 4 : Fosse stato in un supermercato, lo speaker ne avrebbe chiamato i genitori perché se lo andassero a riprendere.






Inler 5,5 : Non resta che sperare che si abbassi di venti cm, gli crescano i capelloni e, perché no, diventi cocainomane.








Giorgino 6 : Cerca di mettere ordine ed equilibrio, ma lo sforzo è vano, come quello di Paolo Villaggio nel primo tempo di " Io speriamo che me la cavo "





Callejòn 5 : Incide sulla partita con un effetto fiala puzzolente: all'inizio si sente un pochino, poi piano piano scompare e di lui non resta che un vago ricordo.








Hamsik 5 : Smidollato. Se invece che impegnato in un match si fosse trovato sul set di Full Metal Jacket, dopo i primi venti minuti il sergente Hartman gli avrebbe domandato: "Soldato Marek, i tuoi genitori hanno anche dei figli normali?".







Mertens 6,5 : Come al solito ci si aspetta che qualcosa scaturisca da lui, visto che i compagni hanno la stessa reattività di Diprè durante le sue interviste.




Pandev 4,5 : A breve lo ritroveremo a commentare i lavori nei cantieri edili dalle 10 di mattina.

A cura di Giuseppe Bertucci


[-] Compatta il testo



notizie calcio napoli La grande bellezza  vince l'Oscar. Sorrentino ringrazia Napoli e Maradonaluned́ 03 marzo 2014 10:10
"La grande bellezza" vince l'Oscar. Sorrentino ringrazia Napoli e Maradona

"La grande bellezza" vince l'Oscar: con Sorrentino la statuetta torna in Italia.

Grazie al film il nostro paese conquista di nuovo una statuetta. Non succedeva da quindici anni, dai tempi di "La vita è bella". Il regista ringrazia Fellini, Scorsese e Maradona: "Sono stati loro le mie fonti d'ispirazione"

La grande bellezza vince l'Oscar come miglior film straniero. Era da 15 anni, dal 1999, che l'Italia non agguantava la statuetta. L'Italia ha sconfitto i rivali più temibili, il belga Alabama Monroe e il danese Il sospetto di Thomas Vintenberg. Il regista Paolo Sorrentino, visibilmente emozionato, sale sul palco insieme al protagonista Servillo e al produttore Giuliano:  "Grazie a Toni e Nicola, grazie agli attori e ai produttori. Grazie alle mie fonti di ispirazione, i Talking Heads, Federico Fellini, Martin Scorsese, Diego Armando Maradona. Mi hanno insegnato tutti come fare un grande spettacolo. Che è la base per il cinema. Grazie a Napoli e a Roma, e alla mia personale grande bellezza, Daniela e i nostri due figli. Sono molto emozionato, questa vittora era tutt'altro che scontata. Gli altri film erano forti, mi sento felice e sollevato", dice il regista. 

Fonte: La Repubblica

[-] Compatta il testo



notizie calcio napoliGazzetta Sport: il Napoli perde un'opportunitàluned́ 03 marzo 2014 10:03
Gazzetta Sport: il Napoli perde un'opportunità

Spreca una buona opportunità, il Napoli, per accorciare sulla Roma e avvicinarsi al secondo posto. Le difficoltà evidenziate nelle ultime settimane, sul piano del gioco e della condizione, le ha confermate pure contro il Livorno: finisce 1-1 e gli azzurri restano a -6 dai giallorossi come lunedì scorso dopo il pari col Genoa.

le scelte — C'è Pandev al centro dell'attacco napoletano, privo di Higuain squalificato. Di Carlo, invece, schiera per la prima volta dall'inizio Belfodil. Il Napoli parte deciso, non vuole correre rischi: il pareggio della Roma e l'idea di ridurre di due punti lo svantaggio dal secondo posto rappresentano qualcosa in più di un semplice stimolo. La spinta di Mertens e Callejon, sugli esterni, è continua, mentre è fragile l'azione del Livorno che si affida ai lanci dalla difesa per Belfodil e Paulinho. Mbaye, all'11', spaventato dalla presenza ravvicinata di Pandev, tenta di rinviare la palla, goffamente, e la stessa finisce contro la traversa. C'è tanto Napoli in questa prima fase della partita, ma il vantaggio arriva soltanto per una grossa ingenuità di Ceccherini che spinge Pandev in area pur essendo in vantaggio sul pallone: Mazzoleni fischia il calcio di rigore che Mertens trasforma (32').


ERRORE REINA — La reazione del Livorno c'è, ma senza sostanza. Greco e Biagianti lavorano un buon numero di palloni, ma Reina resta inattivo. E nell'unica azione in cui gli avversari gli arrivano a pochi metri, lui commette l'errore di spingere la palla in rete dopo aver respinto il colpo di tacco di Mbaye (39'). Un autogol che rimette in partita il Livorno.


PIù LIVORNO — Nella ripresa, il Napoli perde la reattività e concede tanto spazio alla manovra dei toscani. Greco, dal limite, calcia di sinistro (4'), ma Reina blocca. Il Livorno spinge con maggiore convinzione adesso ed è Belfodil (14') a sprecare da buona posizione ritardando il tiro. L'occasione più clamorosa, in ogni modo, capita sul destro di Paulinho: la conclusione di prima intenzione viene respinta da Reina. Ad un minuito dal termine, invece, Zapata manca l'impatto con la palla a pochi metri da Bardi, su cross di Mertens. E il Napoli manca ancora una volta l'appuntamento con una piccola.

[-] Compatta il testo



notizie calcio napoliNapoli-Livorno: il tabellinoluned́ 03 marzo 2014 09:53
Napoli-Livorno: il tabellino

NAPOLI (4-2-3-1): Reina; Maggio, Fernandez, Henrique, Ghoulam; Inler, Jorginho; Callejon, Hamsik (dal 37' st. Zapata), Mertens; Pandev (dal 25' s.t Insigne). (Colombo, Contini, Britos, Reveillere, Radosevic, Dzemaili, Bariti). All. Benitez

Livorno-Napoli 1-1
(primo tempo 1-1)

MARCATORI: Mertens (N) su rigore al 32' p.t., autogol di Reina (N) al 39' p.t.


LIVORNO (3-5-2): Bardi; Ceccherini, Emerson, Coda; Mbaye, Benassi, Biagianti, Greco (dal 37' s.t. Duncan), Mesbah; Belfodil (dal 32' s.t. Emeghara), Paulinho (dal 46' s.t. Castellini).(Anania, Aldegani, Piccini Gemiti, Valentini, Biagianti, Bartolini, Rinaudo, Mosquera, Borja). All. Di Carlo

ARBITRO: Mazzoleni di Bergamo

NOTE: Spettatori 11.803 per un incasso di 151.773,31. Ammoniti: Benassi, Mbaye, Britos, Maggio per gioco scorretto.


[-] Compatta il testo



notizie calcio napoli Napoli, Benitez:  Sono deluso. Impensabile parlare di piazzamenti luned́ 03 marzo 2014 09:50
Napoli, Benitez: "Sono deluso. Impensabile parlare di piazzamenti"

ll tecnico accusa i suoi giocatori dopo il pari di Livorno: "Se non vinciamo queste partite... Higuain? Non dipendiamo da lui".
I punti persi contro le piccole (considerando tali anche Parma e Udinese) salgono a 20: un'enormità.

Il pari di Livorno accresce ulteriormente i rimpianti del Napoli, capace di grandi exploit (come in coppa Italia con la Roma, ma anche in campionato contro il Milan per non andare troppo indietro nel tempo) e di clamorose frenate. Così Benitez perde la pazienza: alla vigilia aveva ricordato la finale di Istanbul con il Liverpool, di sicuro, ma per motivi opposti, farà fatica a dimenticare anche la gara del Picchi.

l'analisi — "Era una partita che avremmo dovuto vincere e c'è rammarico. Nel primo tempo - ha spiegato il tecnico a Sky - la squadra ha avuto il controllo della gara e avremmo dovuto finalizzare maggiormente la mole di gioco. Ora preferisco non parlare della classifica ma di una partita alla volta, se non vinciamo queste partite è impensabile parlare di piazzamenti. Sono deluso da tutti. Vice Higuain? Non dipendiamo da Gonzalo, ma dalla determinazione".

Fonte: Gazzetta dello Sport

[-] Compatta il testo



notizie calcio napoliGli ultras non vogliono la maglia gialla: ecco lo striscione di protestavenerd́ 28 febbraio 2014 09:34
Gli ultras non vogliono la maglia gialla: ecco lo striscione di protesta

In Curva B è apparso uno striscione sulla tanto discussa maglia gialla del Napoli...

ecco lo striscione:



[-] Compatta il testo



venerd́ 28 febbraio 2014 09:28
Corriere dello sport:: il Napoli vola agli ottavi!

LEGGI L'ARTICOLO
venerd́ 28 febbraio 2014 09:24
Insigne: e’ stato un successo di squadra. Dedichiamo il successo a Rafael

LEGGI L'ARTICOLO
venerd́ 28 febbraio 2014 09:19
Napoli-Roma da oggi il via alla vendita dei biglietti

LEGGI L'ARTICOLO
venerd́ 21 febbraio 2014 08:43
Napoli-Swansea, oggi il via alla vendita dei biglietti per la tribuna, domani i distinti

LEGGI L'ARTICOLO
venerd́ 21 febbraio 2014 08:41
Swansea-Napoli, Maggio: ”Il nostro pubblico sara” decisivo al ritorno”

LEGGI L'ARTICOLO
LE  PAGELLE  DI  JOE  SEPPE
CURIOSITA'